16
COMMENTI

Torrone morbido

giovedì 26 dicembre 2013
Torrone morbido

Auguro a tutti voi un felice Santo Stefano con questo dolcissimo torrone morbido... il mio primo torrone!!! Una ricetta veloce e non troppo difficile per continuare a coccolarci durante queste vacanze. Per ottenere uno squisito torrone morbido sono sufficienti pochi passaggi ma si devono calcolare bene i tempi e dovete munirvi di un termometro da cucina. Io ho fatto tutto da sola ma devo ammettere che non mi sarebbe dispiaciuto avere un aiutante ;-)
Trascorso bene il Natale? Io devo dire di si, come ogni anno il 24 sera cena dai miei con tanti parenti e il 25 messa e pranzo dalla famiglia di mio marito, ma soprattutto tanti regali per mia figlia! Oggi finalmente un po' di relax e niente cucina!! Baci

Ricetta Torrone morbido

Ingredienti per 1 Kg. di torrone
  • 280 gr. di nocciole intere sgusciate senza pellicina
  • 140 gr. di pistacchi sgusciati senza pellicina
  • 60 gr. di mandorle sgusciate senza pellicina
  • 230 gr. di zucchero semolato
  • 100 gr. di miele di acacia
  • 40 gr. di albume
Portata: Dolci e dessert
Difficoltà: Media
Tempo di preparazione:
Tempo totale:

Come fare il Torrone morbido

Procedimento
Accendete il forno a 100°. Mettete gli albumi a temperatura ambiente nella planetaria e cominciate a montare. Dopo poco unite lentamente 30 gr. di zucchero. 


Mettete sul fuoco il restante zucchero con 70 gr. di acqua e portate alla temperatura di 146 gradi (per le temperature dello zucchero e del miele ho utilizzato la ricetta di Luca Montersino).


In un altro tegame mette il miele e portate alla temperatura di 126 gradi.


Riscaldate in forno (che nel frattempo avrà raggiunto la giusta temperatura) la frutta secca per una decina di minuti.


Raggiunta la temperatura di 146° unite lo zucchero agli albumi continuando a montare...


e subito dopo il miele (a 126°).


Prelevate la frutta secca dal forno (mi raccomando non deve assolutamente essere fredda) e unitela al resto del composto (sentirete già profumo di torrone).


Amalgamate bene il tutto piuttosto velocemente altrimenti sarà difficile stendere il torrone.


Foderate con i fogli di ostia (precedentemente ritagliati della giusta misura) una teglia delle dimensioni di circa 25x18 cm (meglio ancora se avete un anello o un rettangolo in acciaio senza base). Versate dentro il torrone e livellatelo con una spatola unta con pochissimo olio.


Ricoprite con un altro foglio di ostia e pressate con una guantiera  o qualcosa di piatto per farlo aderire bene al torrone.


Attendete qualche minuto e poi togliete il torrone morbido dallo stampo eliminando i fogli di ostia laterali.


Fate raffreddare perfettamente il torrone e tagliatelo con un coltello ben affilato. Tenete presente che essendo morbido non sarà facile ottenere dei pezzi perfetti.

Torrone morbido

I vostri commenti su " Torrone morbido " (16 Commenti)

Questo spazio è per voi! Se volete esprimere un'opinione sulla ricetta o ricevere un consiglio su come realizzarla lasciate un commento. Sarò felice di rispondervi!

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato.

  1. che bello e che buono Giuliana,<3 <3 un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. Che bello il tuo torrone Giuliana! Ti auguro Buone Feste!

    RispondiElimina
  3. Santo Stefano è il giorno del riposo, dopo 2 giorni pieni di impegni culinari (e digestivi). Mi sa che per mangiare il torrone mi dovrò accontentare di quello commerciale: il tuo sembra molto buono, ma non credo sia alla mia portata. Un caro saluto e tanti auguri!

    RispondiElimina
  4. Si io tutto ok.. son sopravvissuta!! hihihi scherzo! Buonissimo il torrone bianco in versine morbida.. e non mi sembra molto difficile farlo.. smackkk e buon 26! :-)

    RispondiElimina
  5. Tanti auguri Giuly, auguri per tutto ciò che piu desideri!!!!! Il torrone è superbo, morbido poi...lo addenti senza rischi :) Un abbraccio!!!!

    RispondiElimina
  6. Si dice: anche l' occhio vuole la sua parte. Il cibo sono abituato a giudicarlo con l' occhio, e quasi mai sbaglio. Il suo torrone e' un' opera d'arte ( naturalmente per chi è intenditore) , io lo sono: sono presuntuoso? Può' darsi. Se vedessi il suo torrone in negozio, sarei disposto a pagarlo anche 100 euro il chilo. Sono esagerato? Non credo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, davvero troppo gentile! :-)

      Elimina
  7. Anch'io ho il torrone morbido come prossimo dolce da fare. Grazie per la tua ricetta così precisa e dettagliata. E grazie soprattutto per la precisazione che la frutta secca deve essere ancora calda, giustamente perché rischia di indurire anzitempo il torrone. E' un'indicazione che non avevo trovato in altre ricette. Buon Santo Stefano !

    RispondiElimina
  8. bravissima! sai che l'ho fatto anche io ma non sono soddisfattissima e mamma mia... che bel mazzetto ci si fa (anche perchè non ho la planetaria....) quindi un grande plauso per te Giuly

    RispondiElimina
  9. Sono davvero felice di leggere che tutto sia andato alla grande ^_^
    Ottimo anche questo tirrene..non ho mai provato a farlo in casa, ma mi hai davvero invogliata ^_^
    Un bacio e buon proseguimento <3
    la zia Consu

    RispondiElimina
  10. Ciao Giuliana!!! Bellissimo questo torrone ti è venuto perfetto! ho voglia di rifarlo e non lo escludo per capodanno!!! Un bacione e buone feste!!

    RispondiElimina
  11. Bravissima!!! Mi ispira tantissimo!!!! ^_^
    Ti ho menzionata nel mio post perché ho provato due tue ricette....spero ti faccia piacere.... se c'è qualcosa dimmi!! ciaooo :)

    RispondiElimina
  12. Io vorrei provare a farlo ma... dove trovo l'Italia per rivestirlo? Non riesco a trovarla al supermercato.. (e non ditemi in Chiesa: -)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nei negozi che vendono prodotti per pasticceria!!!!

      Elimina