29
COMMENTI

Sartù di riso

sabato 7 gennaio 2012
Sartù di riso

Questa ricetta prende spunto dal romanzo "Legami di sangue", una fedele quanto avvincente ricostruzione della storia di una grande famiglia della mia terra. Famiglie e vicende all'ombra di Achille Starace, si legge nel sottotitolo. Una storia che ci regala l'aspetto più umano e intimo di Achille Starace delineato all'interno di uno spaccato di vita provinciale nel Salento della prima metà del '900. Gli autori sono Annalisa Bari, apprezzata scrittrice salentina, con Tonino Guarino, che di questa famiglia speciale fa parte (sua madre, Maria, è la sorella di Achille Starace) e che ha reso pertanto possibile la stesura di questo libro.
Questo è il frammento da cui ho preso spunto: "Era il mese di ottobre del '42 - è sempre Tonino Guarino che riferisce. Tornavo a Roma dopo la pausa estiva. Ero sempre più innamorato di Vituccia e lei di me, ma mio padre era come al solito contrariato. Insieme alla valigia portavo con me un sartù di riso confezionato da mia madre per zio Achille. Dovevo recapitarlo la più presto, prima che diventasse una mattonella collosa. ... Percorsi il breve viale e bussai con le nocche alla porta d'ingresso, dopo aver cercato invano il campanello. Una voce femminile, chiara e calda, chiese: Sei tu Achille?. Dopo un attimo di esitazione, risposi: Sono il nipote. Quale nipote? Tonino Guarino ... figlio di Maria Starace ... vengo da Campi Salentina. Mi dispiace disturbare. Magari aspetto fuori. Ho qualcosa da lasciare .... Qualcosa che la mamma ha fatto per lui. Mostrai l'involucro ben avvolto in un canovaccio e occultato da carta di giornale. ...E' un sartù di riso - feci, tanto per dire qualcosa - a zio Achille piace molto il sartù della mamma. Sono arrivato stamattina e per non farlo rovinare ho preso subito l'autocorriera per venire qui". 
Questa ricetta, lunga e laboriosa, è il mio umile omaggio al paese in cui sono nata e a questo romanzo.

Ricetta Sartù di riso

Ingredienti per 6 persone
  • 400 gr. di riso vialone nano
  • 500 gr. di polpa di pomodoro
  • 3 uova
  • brodo vegetale
  • 2 cipolle
  • 80 gr. di parmigiano
  • 250 gr. di polpa di manzo tritata
  • 100 gr. di mollica di pane
  • q.b. di pane grattuggiato
  • q.b. di latte
  • q.b. di farina
  • 200 gr. di piselli verdi
  • 150 gr. di salsiccia
  • 150 gr. di fegatini di pollo
  • 150 gr. di mozzarella
  • q.b. di olio
  • q.b. di burro
  • q.b. di sale
Portata: Piatti unici
Difficoltà: Elaborata
Tempo di preparazione:
Tempo di cottura:
Tempo totale:

Come fare il Sartù di riso

Procedimento
In un tegame fate dorate metà cipolla con un pò d'olio, unite la polpa di pomodoro, salate e fate cuocere a fiamma debole fino a quando non si sarà ben addensata.


In un'altra pentola fate rosolare l'altra metà della cipolla in una noce di burro (circa 30 gr). Unite il riso, fatelo tostare e proseguite la cottura come per un risotto aggiungendo gradualmente il brodo. Lasciatelo piuttosto al dente.


In un altro tegame ancora fate rosolare in un pò d'olio con 1/4 di cipolla e cuocete i piselli.


Una volta cotti unitene 3/4 al riso (oramai pronto).


Sbattete in una ciotola due uova con il parmigiano e unite il tutto al riso e piselli.


Mettete a raffreddare il riso in un piatto grande.


In una ciotola grande mescolate la carne di manzo, la mollica di pane (ammorbidita con un pò di latte), 1 uovo, un pò di pangrattato e il sale.


Formate delle piccole polpettine.


Infarinatele e friggetele il olio caldo.


Rosolate con poco olio e poca cipolla la salsiccia a pezzetti e senza la pelle e i fegatini lavati e tagliati e pezzetti.


A questo punto riunite in una grande ciotola  la salsa di pomodoro, le polpettine, i piselli rimasti, i fegatini e la salsiccia.


Ungete con abbondante burro uno stampo dai bordi alti capiente circa 2 litri e spolverizzate con il pangrattato. Foderate con il riso il fondo e le pareti, conservandone una parte per ricoprire il tutto.


Versate al centro tutti gli ingredienti e la mozzarella tagliata a fette.


Ricoprite il tutto con il restante riso.


Infornate a 190° per circa mezz'ora.

I vostri commenti su " Sartù di riso " (29 Commenti)

Questo spazio è per voi! Se volete esprimere un'opinione sulla ricetta o ricevere un consiglio su come realizzarla lasciate un commento. Sarò felice di rispondervi!

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato.

  1. Mi sto sentendo male... ma questo piatto è eccezionale.. nasconde quelle polpettine per le quali impazzisco!!! bacioni e buon w.e. :-)

    RispondiElimina
  2. Ecco..Giuliana...anche tu non mi stai aiutando a mantenere la linea!!!!!no no..dopo questa paradisiaca visione mi tocca cucinare stasera perchè ho troppa fameeeeee!!!!Buon sabato sera caraaaa!

    RispondiElimina
  3. Complimenti...Un piatto delle festa!!!!
    Doppia razione per me!!!!
    Bacioni e complimenti cara Giuliana

    RispondiElimina
  4. Ne ho sentito parlare, ma non l'ho mai assaggiato!! Spettacolare!!!Il riso con la sorpresa!!!
    Felicissimo sabato sera!!!
    Un bacio!!!!

    RispondiElimina
  5. Giuliana, sta diventando sempre più brava e i tuoi piatti sempre più invitanti!!!! Lucia

    RispondiElimina
  6. Chiamalo "umile omaggio"! Questo sartù è magnifico e merita un caloroso applauso :-) Il libro dev'essere interessantissimo, soprattutto per noi salentini... Chissà se riesco a trovarlo in libreria!

    RispondiElimina
  7. Preparo spesso il sartù ma in modo diverso, sarò curiosa di provare anche la tua versione, un po' più ricca della mia.
    Vado a sbirciare la ricetta del pesce in pasta di mandorle, qui abbiamo un carissimo amico di Lecce e una volta me lo portò, era magnifico.
    A presto!

    RispondiElimina
  8. Super goloso, è un ameraviglia di gusto e sapore...ciao...

    RispondiElimina
  9. non l'ho mai assaggiato, ma me ne hai fatto venire una vogliaaaa!!! è invitantissimo! ;)

    RispondiElimina
  10. Il sartù di riso è uno dei piatti più importanti della cucina napoletana. In casa mia si preparava sempre per capodanno. E' da molto che non lo preparo, mi hai fatto venire voglia!
    Ti è venuto davvero bene, l'aspetto è molto, molto invitante!
    Bravissima!!!!^_^
    Un bacione grande e buona domenica!

    RispondiElimina
  11. ciao Giuliana, non conoscevo questo piatto. Se verrò in vacanza dalle tue parti e trovassi questo sartù in un ristorante lo ordinerei subito. è meraviglioso insieme al racconto del libro che lo accompagna.
    un bacio
    sabina

    RispondiElimina
  12. ciao cara, che bella ricetta e poi il romanzo non l'ho mai letto e me lo sono segnato!!! ti ringrazio per aver partecipato al contest... ciao

    RispondiElimina
  13. @due bionde in cucina Ciao Sabina, in realtà il sartù è un piatto napoletano quindi purtroppo qui è quasi impossibile trovarlo, ma troveresti altre cose buonissime!!

    RispondiElimina
  14. Il sartù di riso??? Mamma mia che piatto gustoso...! Non l'ho mai fatto ...sarà buonissimo!
    Bravissima!!!
    Un abrraccio.

    RispondiElimina
  15. Il sartù che passione!!!Ho mangiato questo piatto qualche anno fa e ricordo un procedimento identico al tuo: polpettine, sughetto, piselli e riso!Buonissimo brava Giuliana, bella proposta!

    RispondiElimina
  16. non lo conoscevo questo piatto, deve essere una delizia!

    RispondiElimina
  17. Questo piatto mi fa letteralmente impazzire e lo hai eseguito alla perfezione...Bravissima!! Un bacione e buona settimana!

    RispondiElimina
  18. Dev'essere gustosissimo ed è molto bello! Buona settimana!

    RispondiElimina
  19. Ecco, questa è uno dei classici piatti che dico sempre di dover provare ma che rimando ogni volta! Dev'essere proprio gustoso:-)) Un abbraccio e buonissima giornata

    RispondiElimina
  20. Che bel piatto ricco e gustoso, complimenti!Ciao

    RispondiElimina
  21. Che bella ricetta gustosa adoro il riso gnamm
    bravissima bacioni!

    RispondiElimina
  22. Io che vado pazza per il riso devo provare questa ricetta :)

    RispondiElimina
  23. Che buono, l'ho mangiato a Napoli dai miei amici napoletani!!!
    Il tuo è un'ottimo omaggio alla tua terra e al libro: brava!!!

    RispondiElimina
  24. Piatto ricco mi ci ficco! Brava...veramente un piatto unico ed equilibrato!

    RispondiElimina
  25. Un perfetto piatto unico, ricco e di gran gusto, complimenti Giuliana!!!!!

    RispondiElimina
  26. Ciao Giuliana,
    Adoro il sartù!!! L'ho mangiato tanti anni fa di pesce.
    E mi sono sempre promessa di preparare da sola uno...
    Sei una delle poche blogger che si è avventurata in questa complicata, ma deliziosa, ricetta.... Bravissima.
    Piace anche a me abbinare libro e cucina... film e cucina... L'arte in generale va d'accordissimo con la cucina...
    Mi sto gustando il tuo site.
    Rinnuovo i miei complimenti.
    Un abbraccio.
    Thais

    RispondiElimina
  27. E' la prima volta che entro nel tuo blog. Trovo fantastico l'abbinamento libro ricetta. Il tuo sartù mi sembra perfetto. Mi fa tornare indietro di tanti anni ad una splendida vacanza a Capri. Quando lo avrò fatto ti faro conoscere il risulato.

    RispondiElimina