13
COMMENTI

Turcinieddhri alla brace

mercoledì 21 dicembre 2011
Turcinieddhri alla brace
Chiarisco subito che questa è una ricetta non ricetta! Mi spiego meglio, chi è salentino come me sa bene cosa sono i turcinieddhri e sa altrettanto bene che difficilmente vengono preparati in casa per via dei loro ingredienti piuttosto singolari! Personalmente non li preparerò mai e continuerò sempre a comprarli dal mio macellaio di fiducia, però quando l'altro giorno ho visto mio marito che preparava la brace e li cucinava mi è venuta voglia di fotografarli e farli conoscere anche a chi non è delle mie parti.
Per dovere di cronaca vi dico che si tratta una sorta di involtino di fegato, polmone e cuore di agnello tenuto insieme dalla rete e dal budellino dello stesso agnello e condito con sale, pepe e prezzemolo. La loro cottura ideale è alla brace!!!

Ricetta Turcinieddhri alla brace

Ingredienti per 4 persone
  • 20  Turcinieddhri
  • q.b. di sale
Portata: Secondi piatti
Difficoltà: Facile
Tempo di cottura:
Tempo totale:

Come fare i Turcinieddhri alla brace

Procedimento
Per la preparazione della brace si utilizza tradizionalmente legna d'ulivo. Fate ardere la legna in un angolo del camino fino a quando non sarà diventata brace.


Stendete la brace e attendete che la fiamma rossa si attenui.


Quando la brace avrà assunto la caratteristica velatura bianca mettete la griglia a riscaldare e attendete che sia ben calda.


Posizionate quindi i turcineddhri per la cottura.


Fate in modo che siano ben cotti, salateli e portateli in tavola ancora caldi!

Turcinieddhri alla brace

I vostri commenti su " Turcinieddhri alla brace " (13 Commenti)

Questo spazio è per voi! Se volete esprimere un'opinione sulla ricetta o ricevere un consiglio su come realizzarla lasciate un commento. Sarò felice di rispondervi!

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato.

  1. Il piatto non è per me nn vado molto d'accordo con polmoni e fegato ma conosco 2 o 3 miei familiari che potrei veramente stupire con questa ricetta! Complimenti!

    RispondiElimina
  2. Ciao!!!! La cottura alla brace, mi piace moltissimo!!!! Non ho mai avuto il piacere di assaggiare questo piatto, ma è molto invitante!!!!
    Un abbraccio e a presto!!!!
    Buon Natale!!!!

    RispondiElimina
  3. Anche in Campania abbiamo qualcosa di simile, che neanch'io avrei mai il coraggio di preparare! Che bella però questa cottura alla brace... Complimenti a tuo marito! E a te per le foto!
    A presto. Buon Natale!
    Alfonsina

    RispondiElimina
  4. Era da un po' che non mi affacciavo a causa del corri corri di questi giorni ed ecco che cosa ti ritrovo, tante ricette una più appetitosa dell'altra!
    Questa poi mi ricorda uno dei piati preferiti di mio nonno è uno spettacolo e chissà come sarà buono!

    RispondiElimina
  5. @Nikyna Non sei l'unica ad avere di questi problemi!!! Grazie e auguri

    RispondiElimina
  6. @Lory B. Grazie, felice Natale anche a te!

    RispondiElimina
  7. @delizieingiardino Puglia e Campania in effetti hanno molti piati simili (tutti buoni)...Auguri anche a te!

    RispondiElimina
  8. @ilgamberorusso A chi lo dici, questi giorni sono per tutti di gran caos! Sono felice che le ricette ti piacciano, a presto e auguri!!!

    RispondiElimina
  9. A Gallipoli li chiamiamo "mboti", in altre zone del Salento li conoscono come "gnummarieddhi": insomma, variano i modi di chiamarli, ma sempre deliziosi rimangono! :-)

    RispondiElimina
  10. Io li preparo spesso in casa e proprio preparandoli non è facile che li mangi fuori se non sono arcisicuro del posto. ;-D

    RispondiElimina
  11. Buongiorno, mi chiamo antonio e sono un cultore della buona cucina, quindi mi piace questo blog, i Turcinieddhri, sono un esempio di come gli arabi abbiano trasferito parte della loro cultura nel nostro sud, questo é un piatto sacro per loro e viene fatto esclusivamente durante la festa "Aid El Khebir", il sacrificio, per ricordare quello di abramo, il primo giorno dopo che il montone viene sgozzato, questo é il primo piatto che si cucina, chiamato "boulfaf" ed é veramente sfizioso più che altro.Ah nota, da 20 anni vivo e lavoro in marocco e mi interesso anche alla cucina locale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per le interessanti informazioni, non sono mai stata in Marocco ma è nella mia agenda! Se ne ha voglia può inviarmi una ricetta tipica fatta da lei nella rubrica le ricette dei lettori. Sarò felice di pubblicarla. :-)

      Elimina
  12. ciao, alla coop di firenze ho trovato quelli che qui chiamano fegatelli ma che da noi sono appunto i 'turcineddi' e così li ho potuti gustare anche qui ma nella padella calda e senza condimento, visto che non ho la brace, ma quest'ultima sarebbe la cottura migliore.buoni comunque...

    RispondiElimina